Per la rubrica #Lacercatricediperleletterarie, oggi voglio farvi conoscere la scrittrice Maria Concetta Distefano e il suo romanzo IL CLUB DEL VENTAGLIO edito da Hogwards edizioni

COSA NE PENSO

Titolo: Le amiche del ventaglio

Autrice: Maria Concetta Distefano

Genere: romanzo

Editore: ED. Hogwords

Anno di pubblicazione: 2017

Irene, una professoressa d’inglese, decide di chiedere a delle amiche, “profie” come lei e, anche loro, in età da menopausa, di creare un club per incontrarsi e parlare della loro esistenza, in quel particolare momento della loro vita. Il club si chiamerà “Club del ventaglio” perché a tutte serve un bel ventaglio per fare svanire gli effetti delle caldane che le colgono inattese e inopportune. Così Adriana, Elisabetta, Amy e Irene formano il nucleo fondante del Club, al quale si aggiunge Ghita, una giovane artigiana che produce borse e ha il negozietto di fronte la casa di Irene e che non è in periodo di menopausa, ma deve digerire la vita. Cominciano così degli incontri mensili e dei resoconti dettagliati di ciò che vivono e sperimentano, che condividono davanti a cene luculliane e vini prelibati. Tutto viene posto al vaglio: i cambiamenti fisici, mentali, gli amori passati, presenti, passeggeri e futuri. Un altro personaggio è Laura, la figlia di Irene, che sbircia i fogli del romanzo che la madre sta scrivendo sul Club, e si inserisce con le sue sferzanti opinioni, da giovane molto lontana dalla menopausa.

Leggere questo romanzo, ha significato per me, immergermi nella mia stessa vita, in ciò che vivo e ho vissuto come donna e prof., nel periodo di vita che va oltre i cinquanta. Entrare nelle storie delle protagoniste è come fare un tuffo nella mia stessa storia e la nota fortemente ironica, sulla quale è impostata la narrazione, ha mitigato l’atmosfera emotiva e smussato gli angoli delle difficoltà reali che si incontrano come donna, in questo periodo particolare della vita. Mi sono immedesimata, divertita, ho riso e mi sono preoccupata.

La scrittura è controllata e ben rende la realtà di ciò che succede tra amiche che condividono le proprie esistenze. I personaggi sono delineati con cura e sono fortemente riconoscibili. La narrazione fluisce con un ritmo veloce e allegro, ma in alcune parti viene rallentata dall’introduzione di note didascaliche o da intromissioni che risultano superflue alla narrazione, come la trascrizione di una ricetta che non aggiunge niente di indispensabile in quel momento della storia.

Anche l’alone di “mistero” che ogni tanto aleggia nella narrazione è un espediente che rende piacevole la lettura e l’intromissione di Laura, la figlia di Irene, nella storia è una scelta ben fatta dall’autrice, perché aggiunge un punto di vista diverso, di una giovane, che ancora non sa cosa significhi vivere ciò che vive una donna oltre i cinquanta e che è molto critica. I suoi commenti e la sua storia, con le preoccupazioni di una giovane donna, danno verve al racconto e rendono ancora più forte la nota ironica.

Non so se è un romanzo per tutti, forse per un pubblico femminile che si possa immedesimare e che sia capace di ironizzare sulla propria condizione, però io l’ho apprezzato e mi sono appassionata alla storia che ho letto divorandola, curiosa e in cerca di sollievo.

Direi che è proprio una perla letteraria e il curriculum della scrittrice non può che confermare la sua passione per la narrazione e la sua propensione a parlare di donne.

Perla trovata!

Ecco il link all’acquisto dell’e-book su Amazon. Se avete Kindle Unlimited è gratuito: https://amzn.to/3kxVbvm

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO