Cronistoria del romanzo storico “Hortensia”: invio n.1 Fazi editore

Racconto di un viaggio

Narrazione di come il romanzo di una scrittrice emergente esce dal cassetto e diventa edito (speriamo)

Per sperare di essere pubblicati bisogna sottoporre i manoscritti alle case editrici e poi aspettare.

Questa è la storia del primo invio alla casa editrice Fazi Editore.

Inizia un lavoro estenuante di spiluccamento delle opportunità e dei modi per sottoporre il romanzo alle case editrice e la ricerca di premi letterari “importanti” che possano trasformare il mio romanzo in un libro edito. La fonte è sempre Internet. Ho deciso di usare il motore di ricerca

https://www.ecosia.org/?c=it

perchè ogni volta che fai una ricerca viene piantato un albero e così il mio romanzo contribuirà almeno a ridare fiato a questa terra esausta.

La prima opportunità che ho trovato è quella offerta da Fazi editori che come altre editrici non si è totalmente chiusa ai nuovi scrittori e lasciando spazio solo agli agenti letterari per le nuove proposte; con questa politica l’emergente ha poche speranze.

La Fazi invece apre due finestrelle temporali e una sono proprio i mesi di luglio-agosto. In questo spiraglio si possono inviare i manoscritti.

Ci vuole una sinossi, una breve presentazione dell’autore e solo le prima 30 pagine iniziali del romanzo. Perfetto. Correggo le 30 pagine, preparo il file in formato cartella editoriale, aggiorno una breve presentazione cambiando l’età (c’era scritto che avevo ancora 54 anni…bugia).

Voglio essere sicura di non sbagliare a fare la sinossi, perchè questa è una critica che mi ha fatto una editor una volta, la mia sinossi era una recensione…sbagliato. Così ho studiato cosa fosse una sinossi e come si facesse e mi sono messa a raccontare il romanzo di 392 pagine in 3 cartelle circa 19,000 caratteri spazi inclusi.

Mi inserisco sul sito e scopro che il numero massimo  di caratteri per la sinossi è 3000 caratteri! Mi riconcentro,  la riscrivo in 2317 caratteri.

Finalmente è tutto pronto e completo il modulo e invio. Magari! Tento cinque volte di inviare, ma sbaglio sempre il cavolo  di Chaptcha per dimostrare che sono umana…bastasse questo! Comunque dopo vari improperi ci riesco…fatto!

Adesso devo attendere da 4 a 6 mesi  e se non arriva risposta non sono stata scelta. Almeno ci ho provato…i 4 o 6 mesi incominciano dal 27 agosto 2019…in attesa.

Credit per l’immagine usata : Photo by Joanna Kosinska on Unsplash



 



 

Se hai delle domande da farmi scrivi tra i commenti, ti risponderò subito.
Vuoi conoscermi meglio? Visita il mio sito – io ti consiglio di iniziare da qui – o seguimi sui social.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO